Ufficio Sanzioni - Comune di Siena

Skip to main content
 
 
 
Comune di Siena
 
Sei in: Home / La Città / Polizia Municipale / Corpo Polizia M... / Ufficio Sanzioni  

Ufficio Sanzioni

Preavviso

Per poter illustrare le funzioni svolte dagli Uffici, occorre fare insieme un piccolo percorso che ci porterà a toccare uno per uno tutti gli aspetti della sua attività, a cominciare da quello con cui il cittadino si trova più frequentemente a fare i conti:

“Acc *#*!!... Mi hanno fatto la contravvenzione!”

Ma che succede dopo che un “Vigile Urbano” ha fatto una “contravvenzione”? L'Agente di Polizia Municipale, è questo il suo vero nome, o l'Ausiliario del Traffico deposita presso l'Ufficio Contravvenzioni l'originale dell'accertamento, che può essere un Avviso d'Infrazione od un Verbale, o magari il Centro di Controllo Z.T.L. trasmette un Verbale all'Ufficio... E poi? Da questo momento comincia il lavoro dell'Ufficio: l'accertamento viene inserito nella giusta banca dati, in attesa. La strada che percorre l'avviso, che altro non è se non il fogliettino rosa che viene lasciato sul parabrezza della macchina, è leggermente più lunga di quella del Verbale. Infatti, mentre il Verbale è notificato, cioè già ufficialmente consegnato al trasgressore nelle forme previste dalla legge, l'avviso non lo è: perciò rimane alcuni giorni in attesa di notifica, cioè in attesa che l'ufficio risalga ai dati del proprietario del veicolo. Una volta ottenuti questi dati, l'avviso viene trasformato in un Verbale e notificato al proprietario. Tuttavia, nel tempo che intercorre tra il deposito presso l'Ufficio Contravvenzioni dell'Avviso e la sua trasformazione in Verbale, il trasgressore può pagare la sanzione prevista per l'infrazione commessa: il vantaggio di effettuare il pagamento in questo lasso di tempo consiste nel fatto che si paga la cifra relativa alla sola sanzione, senza cioè le spese di notifica che la legge prevede siano aggiunte alla sanzione al momento in cui l'Avviso diventa un Verbale, e segue il relativo percorso. L'Ufficio Cassa registra il pagamento, e la pratica relativa a quello specifico Avviso viene chiusa per “avvenuta oblazione”.

Verbale

Se il trasgressore non ha pagato la cifra indicata nell'Avviso, il Verbale nel quale questo viene trasformato viene notificato al proprietario del veicolo, che ne è a tutti gli effetti responsabile; dal momento della notifica, il proprietario ha sessanta giorni di tempo per effettuare il pagamento della cifra indicata nel verbale: l'eventuale pagamento viene registrato, come nel caso dell'Avviso, e la pratica chiusa con le stesse modalità. Altrimenti, qualora il conducente del veicolo o il suo proprietario intendessero proporre ricorso contro l'accertamento, dovranno seguire le istruzioni riportate sulla copia del verbale che viene loro notificata, e la pratica viene passata all'Ufficio Affari Legali, Contenzioso e Ricorsi, al quale sarebbe sempre opportuno rivolgersi prima di proporre ricorso, in modo da avvalersi della possibilità che ha la pubblica amministrazione di agire in autotutela, cioè, nel nostro caso, di annullare infrazioni accertate in maniera errata, o commesse in stato di necessità o per causa di forza maggiore ed in altri casi simili, evitando così inutili perdite di tempo al cittadino e all'Amministrazione.

Trascorsi i sessanta giorni, se il verbale non viene pagato e non viene presentato ricorso, la pratica viene trasmessa all'Ufficio Affari Legali, che ha il compito di attivare le procedure per la riscossione coattiva della somma dovuta.

Per quanto accennato sopra possiamo dire che all'interno dell'Ufficio Sanzioni possono essere distinti l'Ufficio Telepass e Controllo Z.T.L., l'Ufficio Verbali e l'Ufficio Ruoli.