Passeggiate d'Autore - Comune di Siena

Skip to main content
 
 
 
Comune di Siena
 
Sei in: Home / Il Turista / Turismo / Passeggiate d'Autore  

Passeggiate d'Autore

Dal 22 ottobre al 28 gennaio torna ilformat ideato dal portale Toscanalibri.it,

volute dall’assessorato al turismo del Comune di Siena

SIENA INEDITA SI SVELA PASSO PASSO,

PER CITTADINI E TURISTI ECCO LE “PASSEGGIATE D’AUTORE”

Ogni itinerario avrà una guida d‘eccezione. Tra gli ospiti, la semiologa Isabelle Miller,

il presidente dell’Accademia della Crusca Claudio Marazzini e lo storico Marco Revelli

 

Otto itinerari tra vie e palazzi, storia e leggenda per scoprire una Siena inedita, per appropriarsi dell’anima della città con la guida esperta di storici locali e personalità di spicco del mondo culturale italiano e straniero. Sono le “Passeggiate d’autore”,format ideato dal portale Toscanalibri.it, volute dall’assessorato al turismo del Comune di Siena in programma dal 22 ottobre al 28 gennaio, realizzato con i proventi dell’imposta di soggiorno. Per informazioni e prenotazioni si può chiamare il numero 0577 391787 oppure scrivere a redazione@toscanalibri.it. La partecipazione è gratuita ma è gradita la prenotazione.

 

Un’iniziativa che per l’amministrazione comunale di Siena rappresenta il modo per valorizzare l’identità della città e l’offerta culturale a disposizione con l’obiettivo di fornire una valida offerta a cittadini e turisti nel periodo di bassa stagione che permetta al pubblico di osservare Siena senza limitarsi a darle un’occhiata veloce. «Le Passeggiate d’autore si inseriscono tra quelle iniziative che propongono di vivere Siena nei suoi aspetti più intimi (talvolta più sconosciuti) ed evocanti – dichiara il curatore dell’iniziativa e direttore di toscanalibri.it Luigi Oliveto -. Si chiamano giustappunto «d’autore» perché guidate da personaggi capaci di raccontare la città sul filo di quella narrazione che di Siena ha fatto un vero e proprio mito letterario. Un siffatto racconto si aggiorna continuamente attraverso gli sguardi, le sensibilità, le culture, i linguaggi della contemporaneità. E così prosegue nel tempo il mito di questa città che da sempre mostra non solo belle vedute, ma anche affascinanti visioni di storia, di arte, di tradizioni». Novità dell’edizione 2016-2017 è l’apertura del canale Instagram di Toscanalibri “toscanalibri.it” (oltre ai già esistenti Fb “toscanalibri.it”, Twitter “Toscanalibri” e Canale Youtube “toscanalibriit”) che permetterà la collaborazione con gli Instagramers di Siena, presenti ad ogni Passeggiata con l’hashtag #passeggiatedautore.

 

Passeggiate d’autore - Otto itinerari per cittadini e turisti a partecipazione gratuita per scoprire una Siena inedita in bassa stagione, oltre il Palio e gli eventi turistici di richiamo, e al contempo dare un'opportunità agli operatori delle strutture ricettive e del turismo per creare offerte e proposte ad hoc. L’obiettivo condiviso è quello di comunicare Siena in modo diverso dai soliti schemi. Un appuntamento culturale, giunto alla sua quarta edizione, per visitatori curiosi di conoscere Siena che nel primo appuntamento si racconterà come città della musica (dall’Accademia Chigiana dove ha studiato il maestro Abbado al Siena Jazz con i seminari estivi di Enrico Rava) e, negli itinerari successivi, come culla della lingua italiana attraverso le lettere di Caterina da Siena e l’umanista Claudio Tolomei. Passando attraverso “Il sogno incompiuto” del Duomo Nuovo di cui ancora oggi sono visibili gli scheletri in marmo alla città spiegata attraverso i materiali usati per erigerla (dal marmo al laterizio passando per la pietra). E poi ancora una passeggiata per conoscere la città attraverso i suoi antichi mestieri che hanno dato nome ai luoghi e alle strade giunti fino a noi e attraverso i luoghi posti in alto, e solitamente inaccessibili al pubblico, per ammirare una città “tra pietra e cielo”. Gli itinerari si snoderanno poi tra il mito che incontra la realtà nel racconto di una figura mitica cara ai senesi e a Dante Alighieri: la Pia de’ Tolomei. Ma Siena non sarebbe tale senza il suo celebre affresco del Buono e del Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti: un’opera d’arte che conclude gli otto itinerari tra la città immaginata nel Trecento e quella attuale tra idealità e concretezza.

 

Le guide d’eccezione – Ogni passeggiata (inizio ore 15), avrà una guida d‘eccezione accompagnata da una guida turistica. Tra gli ospiti di questa edizione, la semiologa e letterata Isabelle Miller, il presidente dell’Accademia della Crusca Claudio Marazzini e lo storico e politologo Marco Revelli. Per i partecipanti disponibili dispositivi audio (su richiesta e fino ad esaurimento) per seguire le visite forniti da Follow Me.

 

PASSEGGIATE D’AUTORE 2016-2017

 

Sabato 22 ottobre, ore 15.00

LA CITTÀ DELLA MUSICA

Partenza: Istituto Superiore di Studi Musicali "R. Franci", Prato di S. Agostino, 2

Arrivo: Fondazione Siena Jazz, Fortezza Medicea, 10

MASSIMO BILIORSI e FRANCESCO OLIVETO

Le armonie della città non sono soltanto metaforiche, cioè quelle legate alla sua arte, alle architetture, alla parlata. Vi risuona anche una musica reale che è quella studiata, eseguita, prodotta in qualificate istituzioni musicali quali l’Accademia Chigiana, il Siena Jazz, l’Istituto superiore di Studi musicali “R. Franci”. Interessante, dunque, conoscerne la storia, visitarne le sedi, vivere le emozioni di alcune performance da parte degli allievi. Ma anche capire, attraverso i diversi generi musicali, il linguaggio della musica stessa, le culture di cui è espressione, il nostro modo di intenderla.

 

Sabato 12 novembre, ore 15.00

IL DUOMO NUOVO: UN SOGNO INCOMPIUTO

Partenza e arrivo: Duomo di Siena, piazza del Duomo, 8

ISABELLE MILLER e LUIGI OLIVETO

Grande è il fascino, il potere evocante dei capolavori incompiuti. Isabelle Miller, letterata e semiologa, ha scritto sull’argomento un libro in cui un intero capitolo è dedicato al “Duomo Nuovo” di Siena. Insieme alla studiosa francese verranno ripercorse le vicende costruttive dell’incompiuta Cattedrale, l’ambizione, la tenacia, il sogno svanito che tutt’ora è testimoniato in quegli scheletri di marmo.

 

Sabato 26 novembre, ore 15.00

TRA PIETRA E CIELO

Partenza: Museo dell'Opera, piazza del Duomo

Arrivo: Fortezza Medicea

GABRIELLA PICCINNI e FABRIZIO MEZZEDIMI

«Vicoli, salite, volte, valli […] raccolgono i livelli della mossa topografia senza aggrovigliarsi: si pensa più a un tessuto di trama e di ordito fantasiosi che non ad una imbrogliata matassa…». Questo – a detta di Mario Luzi – suggerisce la visione di Siena dall’alto. Suggestivo, allora, sarà osservare la città da luoghi posti in alto e non comunemente accessibili, dai quali diventa ancora più leggibile il disegno urbanistico, il suo formarsi lungo i secoli e attraverso le diverse vicende storiche.

 

Sabato 17 dicembre, ore 15.00

PARLARE TOSCANO, PARLARE ITALIANO

Partenza: Piazzetta del Conte, via Stalloreggi

Arrivo: Biblioteca degli Intronati, via Della Sapienza, 5

CLAUDIO MARAZZINI e SIMONETTA LOSI

Fu l’umanista Claudio Tolomei a sostenere che non avevano senso le mai placate diatribe su quali ascendenze (senesi?, fiorentine?) prevalessero nella lingua italiana. È un privilegio – sosteneva il Tolomei – che può vantare la Toscana intera. Con una guida quanto mai ‘informata sui fatti’, il presidente dell’Accademia della Crusca, si propone un excursus nella lingua italiana attraverso figure come Claudio Tolomei, Girolamo Gigli, le prediche in volgare di Bernardino degli Albizzeschi, le Lettere di Caterina da Siena.

Al termine della passeggiata, alle ore 17.30 nella Sala storica della Biblioteca degli Intronati, ci sarà la presentazione del libro “Claudio Tolomei umanista senese del cinquecento” (Olschki Editore). Interverranno il curatore Luigi Oliveto, Claudio Marazzini e Simonetta Losi.

 

Sabato 7 gennaio, ore 15.00

ARTI E MESTIERI

Partenza e arrivo: Piazza del Campo

MAURA MARTELLUCCI e ROBERTO CRESTI

Fabbri, pellicciai, lanaioli, orefici, albergatori, macellai. Anche a Siena, come in qualunque città medievale, le arti e i mestieri del passato hanno lasciato tracce nei luoghi e nella toponomastica cittadina. Passeggiando per le antiche strade, leggendone i toponimi, ecco che vengono rievocate attività lavorative e artigianali di un tempo e con esse storie, personaggi, memorie, curiosità.

 

Sabato 14 gennaio, ore 15.00

LA LEGGENDA DELLA PIA

Partenza: Palazzo Tolomei, piazza Tolomei, 11

Arrivo: Palazzo del Governo, piazza Duomo, 9

FABIO MUGNAINI e LUIGI OLIVETO

«Ricorditi di me che son la Pia. / Siena mi fe’, disfecemi Maremma: / salsi colui ch’inanellata pria, / disposando, m’avea con la sua gemma». Davvero incredibile come una leggenda medievale ricordata in questi pochi versi da Dante a conclusione del quinto canto del Purgatorio, sia stata tramandata fino ai giorni nostri, arricchendosi sempre più di pathos, trama, forme narrative (poesia, teatro, opera musicale). Perciò Pia de’ Tolomei merita una passeggiata d’autore. Un omaggio a questa donna, probabilmente mai esistita, ma ‘verissima’ nell’immaginario collettivo.

 

Sabato 21 gennaio, ore 15.00

LA MATERIA DELLA CITTÀ

MAURO CIVAI

In quanti modi può essere vista e ammirata una città. Ad esempio nella materia con cui è costruita. Nei materiali (pietra, laterizio, marmo) che contraddistinguono architetture, palazzi, strade. La materia in certi casi è anima, offre forma e colore agli intendimenti dello spirito, dialoga con gli spazi, dà senso ai vuoti.

 

 

Sabato 28 gennaio, ore 15.00

IL RACCONTO DEL BUONO E CATTIVO GOVERNO DI AMBROGIO LORENZETTI

Partenza e arrivo: Palazzo Pubblico, piazza del Campo, 1

MARCO REVELLI e LUIGI OLIVETO

Il ciclo di affreschi di Ambrogio Lorenzetti, noti come Effetti del Buono e del Cattivo Governo (1338-1339), costituisce il più sorprendente racconto per immagini che la pittura civile medievale abbia potuto concepire. Furono voluti dagli ambiziosi governanti dell’epoca (Governo dei Nove) affinché, ora in modo didascalico, ora allegorico, si esplicitasse un’idea di città, un’affascinante sintesi tra idealità e concretezza, benessere dei singoli e comune prosperità. Quali le suggestioni che si ricavano, oggi, da quella narrazione, da quella utopia?